L’Universo e il suo futuro

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

E se l’Universo non fosse in espansione?

Un nuovo modello per spiegare i dati di Planck, avrebbe predetto la scomparsa della materia oscura.

Quale futuro allora per L’Universo?

 “Il nostro Universo potrebbe diventare grande, vuoto e noioso”. Questo è il destino del cosmo

riscritto in seguito alle ricerche di alcuni astronomi provenienti dall’Università di Roma “La

Sapienza” e dall’Università di Portsmouth in Inghilterra.

Infatti secondo il modello proposto nell’articolo apparso su Physical Review Letters, la materia

oscura – che è l’impalcatura su cui si regge il nostro Universo – starebbe scomparendo divorata

dall’energia oscura, l’altra forza che bilancia gli elementi del cosmo.

L'Universo

L’Universo

Quest’azione dell’energia oscura provocherebbe un

rallentamento nella formazione delle strutture dell’Universo

come le galassie e gli ammassi, contrariamente a quanto si è

sempre ritenuto finora.

La materia oscura è molto abbondante nell’Universo: la sua

quantità sarebbe cinque volte superiore rispetto alla materia

regolare, quella che forma stelle, pianeti a galassie.

Malgrado sia così comune, poco si sa della sua natura e ancora

non è possibile misurarla direttamente.

Anche per quanto riguarda l’energia oscura, le uniche misure

su cui è possibile fare affidamento sono quelle indirette, basate sull’osservazione delle Supernove di

Tipo 1a, poste a differenti distanze dal nostro punto di osservazione.

Proprio in questi giorni, la collaborazione tra il Lawrence Berkeley National Laboratory e UC

Berkeley, renderà quest’esame molto più facile. Infatti è stato creato un algoritmo che renderà più

rapida  e puntuale l’analisi dei dati raccolti dal telescopio Victor M. Blanco, che in una singola notte

genera da 1 Gigabite a 1 Terabite di immagini da studiare.

Continua a leggere su Oggiscienza

Lascia un commento da Facebook

Leave A Response

* Denotes Required Field